mercoledì 15 ottobre 2008

Blog Action Day 2008: L’Italia è un paese che sta invecchiando.. sempre più solo.. sempre più povero..

Quest’anno il tema del Blog Action Day è la povertà.. mai tema più di attualità nel nostro paese.

Proprio oggi è stato presentato il Rapporto 2008 sulla Povertà e l’Esclusione Sociale in Italia, intitolato “Ripartire dai Poveri”, che non è altro che la trasmutazione nero su bianco di ciò che viviamo quotidianamente sulla nostra pelle.

“Passano gli anni, ma la condizione precaria di molte persone e famiglie persiste e si aggrava”: questa una delle tante constatazioni.

Eh si.. quante volte, negli ultimi anni, ci siamo detti “dai, è una crisi temporanea, passerà”. Più il tempo passa, invece, ci rendiamo conto che non c’è limite al peggio.

Italiani popolo di bamboccioni lamentosi? Magari fossero così le cose!

Ben tredici italiani su centro vive con meno di 500 euro al mese, e, nel bel paese avere una casa e dei figli, le cose più normali del mondo, è divenuto un lusso.

Il 30,2% di queste 13 persone è costituito da famiglie con 3 o più figli. In sostanza, come cita il rapporto, “avere figli in Italia comporta un maggior rischio di povertà”.

L’altra categoria più a rischio di povertà sono poi i nonnini del nord Italia.. in aumento, senza famiglia ed in difficoltà.

Insomma, quello che esce dal rapporto è il quadro di un paese senza presente e senza futuro.

Oggi, nella trasmissione “Le Storie” (RaiTre), Walter Veltroni ha dichiarato: “Stiamo vivendo una crisi che andrà sui libri di storia, il paragone con quella del ’29 è più che calzante”.

E chi non ha mai sognato di comparire sui libri di storia? Bè, avvolte i sogni si avverano!

Apparte gli scherzi.. se oggi ci stanno paragonando ai nostri nonni.. spero tanto che i nostri figli, se potremo averne.. non siano paragonati ai nostri genitori.


- Scheda di sintesi del rapporto "Ripartire dai poveri"



3 commenti:

TIZIANO TESCARO communicator,Vicenza ha detto...

Ciao Gioia si ho seguito la notizia dicono che 15 milioni di famiglie vivono con reddito bassissimo, sinceramente mi sembrano un po troppe, ma se hanno fatto delle statistiche serie allora è da crederci.Tu che ne pensi? :-))

Enrico Alletto ha detto...

Non solo trovo questo post molto pertinente e ben documentato, ma vorrei anche aggiungere che oltre ad invecchiare la popolazione italiana "non nasce".

Ed i motivi sono tanti !!!

Per esempio una donna che cerca lavoro e non lo trova può generare un problema, oltre che personale, anche "famigliare" (di coppia?) e ci si chiede: come faccio a mettere su famiglia? con quali mezzi? con quale casa? con quali servizi?

La nostra società è ben poco attenta/attrezzata alle donne/mamme che lavorano (la stragrande maggioranza) e questo si traduce spesso in un'incremento delle donne che fanno figli "tardi" o nell'aumento di coppie sposate da anni, ma che non hanno figli, ecc.

Insomma, se non s'inverte la tendenza la popolazione italiana è destinata ad "assottigliarsi" sempre di più e con lei il tenore di vita delle famiglie ...

... ops... mi sono dilungato :-)

Gioia Feliziani ha detto...

Ciao Tiziano! Direi proprio di si che dici? Sr poi teniamo conto che per soglia di povertà si intende le 500 euro mensili.. ad includere coloro il cui il reditto pro capite sfora di poco questo limite allora il numero aumenta molto di più!

No Enrico non ti sei dilungato.. anzi mi fanno sempre piacere contenuti intelligenti al mio blog.. purtroppo quì si stiamo parlando di problemi che ci coinvolgono in molti.. troppi purtroppo.

L'altro giorno stavo proprio parlando con un amico la cui mogli è incinta del secondo bimbo.. e deve cercarsi un'altro lavoro perchè quello dove sta ora non le concedono il part time.

Da sicliani, lontani dalle loro famiglie di origine, si trovano così molto in difficolta a gestire il manage familiare.. e purtroppo al giorno d'oggi conviene non andare a lavorare alcune volte che pagarsi una baby sitter.. mammamia che fatica!