venerdì 14 novembre 2008

Violenza sulle donne: censura del poster di telefono donna, tornata l'epoca dell'inquisizione e della caccia alle streghe.

Geniale il poster ideato dall'agenzia Arnold WorldWide per Telefono Donna in vista del 25 Novembre, giornata mondiale contro la violenza alle donne.

L'immagine è sicuramente molto forte. Come Gesù è morto in croce per espiare i peccati dell'uomo, così la donna si trova troppo spesso ad essere giudicata, accusata, denigrata per le violenze che essa stessa ha subito. Ecco che solo il 4% delle donne che hanno subito violenza hanno il coraggio di denunciare.

Sono veramente commossa dalla carica comunicativa di questa campagna, che rappresenta sicuramente un'evoluzione culturale.

Purtroppo però, nel nostro paese falsamente puritano questo è stato considerato offensivo, ed il comune di Milano si rifiuta di affiggere il manifesto..

E' assurdo.. un'"offesa alla morale cattolica".. si parla di morale di fronte agli stupri?

Sono scioccata.. in che paese viviamo? E sopratutto in che epoca viviamo? Siamo ancora in epoca di inquisizione e caccia alle streghe?

Alla violenza sulle donne si risponde ancora una volta con un'altra violenza: così intimamente offensiva ed intimamente denigrante come la censura, l'indifferenza, la svalutazione del dolore, colpevolizzazone.

Proprio un brutto esempio quello dato dal comune, ma noi donne non lasciamoci intimorire e difendiamo la nostra dignità.

3 commenti:

TIZIANO TESCARO communicator,Vicenza ha detto...

Si anch'io ne sono contrariato questa e questo fa parte dell'Italia che siamo noi... :-))

Enrico ha detto...

Devo dire che non conoscevo la vicenda del comune di Milano. Grazie per la segnalazione !!!

p.s.:
Anche io ho voluto "esserci" con un post su questo delicato argomento: http://www.enricoalletto.it/?p=345

Gioia Feliziani ha detto...

Eh si caro enrico.. caro riziano.. queste cose purtroppo succedono. E' a dir poco scandaloso. E pensare che.. pur essendo una gran religosa.. secondo me questo messaggio è un'esaltazione della cristinanità..molto profondo.