martedì 6 ottobre 2009

Saramago sarà a Milano.. è un'emozione grande.

Chi mi conosce sà che quando le prime volte che ho interagito sul web sociale, nei vari forum o le allora community, ed per i primi post di questo Blog, l'ho fatto utilizzando il nick SaraMago.

Nick che ancora utilizzo quanto intervengo, quì e là, sulle tematiche di politica e di sociale.

Questo perché sono una profonda estimatrice di Josè Saramago, scrittore portoghese premio nobel alla letteratura.

Lo conosciuto per caso: in un mercatino di libri a Roma ho acquistato un suo libro, "La zattera di pietra".. e da li è stata la volta degli altri.. "Cecità".. "Saggio sulla lucidità".. "Viaggio in Portogallo".. "L'uomo duplicato"... la bellissima favola "Il racconto dell'isola sconosciuta"

E' un genio, un visionario, un ribelle, un rivoluzionario.. per farvi capire di chi sto parlando, vi cito una frase di un post che ha pubblicato nel suo blog di recente:

"Tutti abbiamo sentito che è suonata l’ora per alzare ancora una volta la parola per promuovere riflessioni libere e, non si scandalizzino i casti uditi, la giusta dissidenza. Si tratta di questo: dissentire è uno dei diritti che mancano nella Dichiarazione dei Diritti Umani. L’altro è il diritto all’eresia. "

Ebbene, il 12 ed il 14 ottobre Josè Saramago sarà in Italia, prima a Milano e poi a Roma. Io andrò sicuramente a Milano.


Mi viene da piangere dall'emozione solo all'idea di poter stare nello stesso luogo, all'interno delle stesse 4 mura di José Saramago... non è una persona... è un mito, è talmente grande che non riesco ad immaginare il suo genio racchiuso in qualcosa di umano.

Che emozione grande...

Nessun commento: