mercoledì 13 aprile 2011

Josè Saramago sarebbe stato Rita Levi Montalcini

Josè Saramago e la sua tanto amata moglie.
Ieri stavo facendo una ricerca per un post (presto in uscita) e mi è capitato di rivedere il video di una delle ultime interviste rilasciate dal Nobel Josè Saramago, per il quale ho una vera e propria venerazione, ed è proprio in suo onore che mi firmo Sara Mago.

Josè Saramago, se avesse avuto la possibilità di partecipare all'iniziativa IO SONO.. di Gennaio (sono sicura che sarebbe stato con noi), avrebbe scelto per rappresentarsi Rita Levi Montalcini.

Vi propongo questa sua intervista anche perché tocca dei temi molto interessanti, come la donna in politica. Il Nobel afferma che è rimasto molto deluso dalle donne sulle quali aveva riposto tante speranze ma che quando sono arrivate nelle posizioni di potere si trasformano in uomini.
Parla addirittura di tre sessi: gli uomini, le donne, ed i politici.

Voi che cosa ne pensate?

Poi sempre nella stessa intervista, parla di tante cose: della semplicità, della saggezza, dell'amore, di libertà di critica, di censura... non manca la forte critica al nostro presidente Berlusconi, ma di certo non risparmia la sinistra, che lo ha fortemente deluso per la mancanza di nerbo, di capacità programmatiche e di mantenere ciò che promette, e la sinistra italiana che ne rappresenta l'esempio più abbietto.

Purtroppo non ho trovato il video della sola intervista ma quello dell'intero programma. L'intervista va dal minuto 3.10 al 28.00'mo circa.

Buona visione.


Nessun commento: