lunedì 20 giugno 2011

Da Geniodonna una proposta per una maggiore parità uomo/donna aperta a idee e contributi

Da Geniodonna arriva una proposta per una maggiore parità di genere, che ritengo essere molto importante e propongo alle donne iscritte a Società Usa e Getta, sia alla mailing list che alla pagina Facebook, di contribuire con idee e proposte. Se volete postare qualche idee e proposte come commento a questo blog, io insieme al gruppo di volontarie nate a seguito dell'iniziativa Io Sono... ci faremo volentieri carico di farne da portavoci.


Le frecce all’arco dei movimenti femminili

Due milioni le donne “inattive”, ottocentomila quelle licenziate o costrette alle dimissioni  dopo che sono rimaste incinte;  oltre 2 milioni i giovani  che né studiano né lavorano, due milioni i precari (12,6%) e infine il 24% della popolazione disoccupata e senza mezzi: questo l’ultimo profilo dell’Italia tracciato dall’Istat.Noi cercheremo di studiare queste situazioni e proponiamo che lo stesso facciano i movimenti femminili in tutte le città per elaborare soluzioni di reale miglioramento e tutela per le donne e per le aree sociali deboli. Occorrono norme di promozione e di parità: frutto della ricerca e della discussione fra i movimenti femminili di tutte le città collegati in rete, anche con il contributo maschile, evitando centralismi inutili. I movimenti femminili “delle cento città” hanno dimostrato la loro forza diffusa ma unificata da un progetto. 

4 IPOTESI PER SCIOGLIERE NODI DECISIVI SULLA PARITà DELLE DONNE
Conciliazione famiglia-lavoro. Alla nascita di un figlio, anche il partner deve usufruire di un congedo obbligatorio per paternità della stessa durata di quello per maternità, ed entrambi debbono essere retribuiti al 100% agganciati alla fiscalità generale. Finalità: rendere reale la condivisione del compito  di cura nella coppia e conferire all’evento nascita quel riconoscimento sociale ora minacciato dalla assenza di una organica assistenza e incentivazione pubblica.
Parità salariale donna-uomo. La differenza fra le retribuzioni di donne e uomini è tra il 10 e il 20%: le donne sono confinate in settori meno pagati, escluse da ruoli dirigenziali, presenti al minimo (6%) nei Cda delle società. Finalità: stabilire che cosa è discriminazione, quando e come va prevenuta e sanzionata, come vanno penalizzate le aziende.
Recupero al lavoro degli “inattivi”. Un’area di circa 4 milioni di persone (metà donne e metà giovani) ha smesso di cercare lavoro ed è fuori da ogni attività: il reinserimento è una grande opportunità di sviluppo (come suggerisce anche la UE). Finalità: rendere appetibile alle aziende le assunzioni in questa area sociale con incentivi fiscali specifici; rimotivare i singoli verso il lavoro con un aiuto diretto alle loro retribuzioni.
Nuove  regole elettorali. La presenza delle donne è del 21,3% alla Camera, del 18,3% al Senato. Bisogna rompere gli attuali meccanismi elettorali che limitano il numero delle elette.
Finalità: liste elettorali obbligatoriamente composte per metà da donne e per metà da uomini; poi regole elettorali temporanee per assicurare l’elezione in tutti gli organismi elettivi e nel Parlamento di una quota adeguata di donne (30%); infine restituzione agli elettori del diritto di scegliere i candidati.

Geniodonna crea un gruppo di studio con esperti e parlamentari per individuare delle ipotesi da discutere con i movimenti delle città e creare insieme un programma comune con cui “parlare” alla società.
Contribuire ad  accendere “i fuochi di ricerca” nei movimenti e nelle città è il prossimo lavoro di Geniodonna.
Un progetto può unire le donne e gli uomini “delle cento città” per superare le barriere e le discriminazioni e arrivare ad una adeguata presenza femminile nelle istituzioni.


Stiamo in contatto, scriviamoci e discutiamo: E-mail: direttore@geniodonna.it;info@geniodonna.it
Sito web: http://www.geniodonna.it; Facebook: genio donna
(Fonte:  http://geniodonna.it/index.php?option=com_content&view=article&id=587:le-frecce-allarco-dei-movimenti-femminili&catid=66:generale&Itemid=166

Nessun commento: